Crea sito

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - granarone

Pagine: [1] 2 3 ... 468
1
Campionessa brasiliana di origini italiche


2
Femuita Forum / Re:underboob
« il: Ieri alle 20:04:25 »
 :o :o :o

3
Femuita Forum / Re:SEZIONE ATLETE ITALIANE
« il: Ieri alle 10:43:45 »
nomi dell'ultima e quelle sopra?
L' ultima è lei Ilenia  https://www.instagram.com/p/BJh-EkTjL2Y/?taken-by=ilenia.defrancesco
peccato si mostri poco

le precedenti sono Monica e Carola     https://www.instagram.com/p/BVcvI3EBczs/?taken-by=monicatomasini

4
Femuita Forum / Re:SEZIONE ATLETE ITALIANE
« il: 18 Novembre 2017, 20:40:12 »
 ;)

5
Femuita Forum / Re:hollywood star
« il: 16 Novembre 2017, 10:46:13 »

6
Italiane / Re:Questa è l'ultima volta
« il: 15 Novembre 2017, 20:37:53 »
aggiornato con immagini

7
Femuita Forum / Re:teen agers da sballo
« il: 15 Novembre 2017, 11:40:12 »
 ;)

8
Femuita Forum / Re:Le immagini più belle del web
« il: 14 Novembre 2017, 09:12:00 »
 ;)

9
Femuita Forum / Rosario Dawson doppio double Flex,
« il: 13 Novembre 2017, 15:53:32 »
10 per l'impegno,6 per il risultato

10
Femuita Forum / Re:underboob
« il: 13 Novembre 2017, 14:55:23 »
 ;)

11
Femuita Forum / Re:Cosplay
« il: 13 Novembre 2017, 14:41:01 »
 ;)

12
Femuita Forum / Michonne flex
« il: 12 Novembre 2017, 22:30:07 »

13
Femuita Forum / Re:bellissima
« il: 12 Novembre 2017, 20:01:15 »


trovato il video (12:44) !!!

https://vimeo.com/229028446
grazie , Luisa è tra le mie preferite

14
Femuita Forum / Re:hollywood star
« il: 12 Novembre 2017, 18:27:17 »

15
Italiane / Re:Questa è l'ultima volta
« il: 11 Novembre 2017, 14:04:40 »
252° giorno di convivenza
Sabato 21 dicembre
Dal giorno della madonna che non ho avuto occasione di parlare in maniera decente con Alessia, concluso il pranzo dai miei è salita in macchina e si è fatta tutto il viaggio di ritorno dormendo, da quel momento in poi solo saluti al volo mentre c'incrociavamo sul portone, la sua storia con Rosy gli occupava pienamente le giornate, almeno è quello che credo, per questo motivo stamani mi ha spiazzato
Al sorgere del sole è partita per passare il natale dalla madre, come ricordate diventata da poco vedova, neanche la passione per Rosy gli ha fatto dimenticare i doveri di figlia, mi sono svegliato per salutarla e dargli eventualmente una mano, in questi momenti ho cercato di essere il più distaccato possibile con lei,cosa che non ha mostrato di notare .
al momento del commiato mi abbraccia con trasporto, quasi mi provoca dolore con la sua morsa ferrea, mi bacia sulla guancia e mi dice una cosa che mi confonde, "Ancora auguri per Natale, mi dispiace che lo trascorreremo lontani l'uno dal altra, ma ti prometto che a capodanno e nei giorni successivi ti farò toccare il cielo con un dito, ho in mente alcune posizioni che ci faranno ululare di piacere, mandami poi un messaggio dove ti devo raggiungere, ho piena fiducia in te sarà sicuramente un posto cool dove hai prenotato, io scappo che ne ho di strada da fare e sai quanti lumaconi dovrò superare", "augura buon Natale a tua madre", lei mi sorride per la scemata che ho detto, per sua madre non esisto quindi non potrà porgergli i miei saluti, ma sono in stato confusionale.
Lei esce al volo, io mi sposto ed esco fuori al balcone, l'aria è frizzantina  non è stata una bella idea rimanere li fuori in manica di camicia ma ci rimango fino a quando non vedo partire Alessia sul suo bolide.
Rientro infreddolito mi lascio cadere sulla poltrona, non avevo prenotato alcun posto, anzi ero sicuro che la settimana insieme a capodanno era saltata per i suoi impegni con Rosy,non metterei la mano sul fuoco ma mi sembra che l'altra settimana mentre usciva mi aveva detto che gli dispiaceva per capodanno, ma devo aver compreso male, invece, con mia gradita sorpresa, ha voluto mantenere l'impegno preso con me.
il suo solito modo di agire,prima si fa ampiamente i cavoli suoi disinteressandosi di me e poi mi da il contentino, ed io stupido che accetto tutto da lei, sono addirittura contento che mi ha preferito a Rosy almeno per una settimana.
evito di riflettere seriamente sulla situazione  altrimenti mi verrebbero cattivi pensieri, del tipo che lei mi consideri scontato, bisognoso delle sue attenzioni e succube delle sue azioni, al momento penso solo al piacere che proverò avvinghiato a quel corpo da favola che imperversa in tutti i miei sogni, cercherò di avere più amplessi possibili prima di restituirla a Rosy.
Trascorro la mattinata e parte del pomeriggio su internet, solo alle 15 trovo un posto interessante senza dover spendere un occhio della testa, giusto in tempo per raggiungere i miei amici, devo evitare i miei famigliari perché per loro sono con Alessia dai suoi.
Ritorno a casa circa a mezzanotte , sono allegro ma desto, questa volta sono stato attento nel bere il giusto o forse solo un anticchietta di più, perciò mi agito come vedo l'allarme disinserito,sono certo di averlo inserito prima di essere uscito,d'istinto spengo le luci del corridoio,  noto subito il fascio di luce che esce dalla porta semichiusa della stanza di Alessia.
Il mio olfatto percepisce l'odore di oli ed essenze, qualcuno ha acceso delle candele profumate, mi rilasso al pensiero che Alessia sia ritornata e adesso è di la che mi aspetta, i miei pensieri da gioiosi si tramutano in angosciosi mentre mi avvicino al buio, nella mia testa si è fatto largo il pensiero che sia ritornata per Rosy, e che in quel momento le due splendide amazzoni stanno avvinghiate selvaggiamente sul mio letto nel mio appartamento,il fatto di non sentire rumori ad eccezione di un gradevole sottofondo musicale, mary j bleige che canta one degli u2, mi fa ben sperare di trovarla sola.
Quando giungo alla porta sono indeciso per alcuni secondi,bussare o no dato che la porta non è chiusa bene?, decido di aprire con cautela la porta e contemporaneamente salutare,"bentorn..." non concludo la parola, rimango basito, lo spettacolo che sto ammirando non era tra quelli da me immaginati,situazione da favola ma alquanto pericolosa.
Sul letto in posizione da geisha c'è Rosy che indossa un babydoll color bordeaux con i pizzi neri,scollato in maniera tale che i miei occhi non possono fare a meno di perdersi a fissare le immense protuberanze dei suoi seni.
Non ho il tempo di dire o pensare qualcosa, mantenendo lo sguardo fisso verso di me si raddrizza e spara un mirabilante flex,il suo bicipite è notevole , grosso, molto grosso per una donna, ma mi piace oh se mi piace .
"Che fai li impalato? credevo che i miei muscoli ti piacevano,non vuoi venire qui e farci tutto quello che vuoi?",

In quel momento devo ammetterlo a comandare era solo il mio pene, il cervello era in tilt, altrimenti mi avrebbe dovuto avvertire che Rosy quello splendido ammasso di muscoli e tette era una proprietà della mia violenta coinquilina, ma agii senza riflettere o pensare spinto solo dal desiderio di possedere la bella Rosy.
Mi spogliai velocemente sotto lo sguardo divertito di Rosy, poi i nostri corpi si fusero insieme, sapevo che era orgogliosa del suo fisico, mentre la palpeggiavo la accarezzavo e la sbaciucchiavo proferivo complimenti più che sentiti per i suoi muscoli grossi e duri, l'amplesso fu come mi ero immaginato , fisico, caloroso ed eccitante.
Non era mai sazia di coccole,un lato tenero che non ti aspettavi vedendola così forte.
Dopo la conclusione del amplesso avrei iniziato a pensare sulle conseguenze, sulle possibili reazioni che poteva avere la mia violenta coinquilina, ma per fortuna Rosy iniziò a parlare, così scoprii tante cose che ignoravo.
Il giorno prima Alessia di punto in bianco aveva rotto con Rosy, si era scusata dicendo che pur stando bene con lei non provava dei sentimenti tali da proseguire un rapporto serio e profondo come quello che avrebbe meritato Rosy e che era meglio troncare adesso prima di rovinare il loro rapporto di amicizia e professionale.
Rosy, a suo dire aveva ben accettato la cosa perché ormai stanca della novità del rapporto lesbico con una splendida donna, sentiva che era il momento di ritornare alla sua eterosessualità ancor più convinta di esserlo e che quello era stato solo un divertente e riuscito intermezzo.
Scoprii parlando che quella stronza gli aveva dato una copia delle chiavi di casa mia e che gli aveva dato il codice del antifurto,050502, un codice scelto da Alessia, mi diceva che era l'unico che riusciva a ricordare, visto il risultato ero contento che lo aveva fatto ma mi faceva rabbia che lei si sentiva libera di agire come gli piaceva con i miei beni, chissà quante copie delle chiavi di casa mia c'erano in giro per Roma al momento.
Quella notte iniziò la mia relazione con Rosy, ogni cosa che faceva mi piaceva da impazzire, persi letteralmente la testa per lei, era bella quasi come Alessia, forte e volitiva quasi quanto Alessia ma agiva in maniera cristallina senza sotterfugi, mi voleva bene senza secondi fini, perfetta, o quasi.
Per lei dimenticai l'impegno con Alessia, risposi in maniera poco convincente al suo messaggio del 30 dicembre nel quale mi chiedeva l'indirizzo del albergo, inventai la prima cavolata che mi venne al momento, ero quasi euforico per averla finalmente ripagata con la stessa moneta, mentre io passai una settimana bianca di fuoco con Rosy Alessia prolungo le sue ferie dalla madre.
273° giorno di convivenza
Sabato 11 Gennaio
Sono passati circa venti giorni da quando ho visto l'ultima volta Alessia, non sa ancora del mio rapporto con Rosy, ho risposto ai suoi innumerevoli messaggi con monosillabi o con frasi fatte prive di alcun significato particolare,
Forse a causa che sento un vago sentimento di imbarazzo che ho preparato un pantagruelico pranzo per il suo ritorno.
Entra in casa come suo solito ,sono quasi investito dal suo entusiasmo, getta a terra la sua valigia un paio di buste ed il casco, mi abbraccia calorosamente, si avvede della tavola imbandita, "noooh, che meraviglia hai fatto tutto questo per me, sei il migliore, sei unico", mi afferra sotto le ascelle alza e distende le braccia sollevandomi, inizia a girare in tondo su se stessa tenendomi sospeso come si potrebbe immaginare si faccia con un nipote di un paio di anni e non con un adulto grande e grosso come me, dovrei sentirmi in imbarazzo invece sono contagiato dalla sua euforia mentre sto librando in aria trattenuto dalla sua ferrea presa.
Un paio di giri su se stessa e poi rallenta progressivamente fino a fermarsi, mentre lo fa piega gli avambracci e mi attira a se ,le sue labbra cercano le mie e le trovano, mentre ci baciamo inizio a toccare con i piedi il pavimento, ritornare con i piedi per terra mi desta da questo stato di euforia, mi ritorna in mente la mia Rosy, smetto di baciarla,mi irrigidisco .
Alessia non può far altro di constatare il mio nuovo stato d'animo e smette con le effusioni e guardandomi sospettosa mi dice "Paolo ma che sta succedendo?", i suoi occhioni sembra che mi stanno analizzando affondo, gli afferro le braccia poco sotto le spalle, volevo rassicurarla ma così ho solo ridestato il mio interesse per lei, non posso fare a meno di sentire come sono duri i suoi muscoli e come mi eccitano, di scatto lascio la presa,e inizio a parlare per sviarla dal mio goffo tentativo di rincuorarla,
"Ti devo dare una buona notizia, ma parliamo mentre mangiamo, sarai affamata dopo un viaggio del genere m'immagino",
"buone notizie? bene mi stavi iniziando a farmi preoccupare, mi hai dato buca, per venti giorni mi hai quasi ignorato ed al mio arrivo ti trovo freddo e distaccato, ma se mi dici che non devo preoccuparmi perché ci sono delle buone notizie, aspetta solo qualche minuto che vado in bagno e mi metto qualcosa di più comodo per il pranzo e poi mi dirai quali sono queste buone notizie  da festeggiare".
Mi metto a controllare i cibi per non pensare,ma come al solito si fa attendere, sento lo scroscio della doccia, mi siedo e ripasso mentalmente quello che gli devo dire, inizierò parlando dello splendido rapporto che ho instaurato con Rosy e che questo è tutto merito suo che me l'ha fatta conoscere, che gli sarò grato in eterno per la felicità che provo ora, e solo a questo punto sparerò il mio Ma, pregusto il momento che gli dirò, Ma è giunto il momento di separarci,resteremo per sempre amici ma non possiamo più convivere, non ti preoccupare avrai tutto il tempo per trovarti una nuova sistemazione non sarò certo io a metterti fretta dopo che mi hai fatto conoscere il mio grande amore.
Sentivo che avrei goduto come non mai a fargli questo discorso, la mettevo con le spalle al muro non poteva reagire in alcun modo, finalmente mi liberavo di questa spina nel fianco e contemporaneamente sarei vissuto al fianco della mia Rosy.
"scusami ho fatto il prima possibile, fremevo per sentire le buone novelle, vedi non mi sono neanche asciugati i capelli",
Mentre ero assorto nei miei ragionamenti era entrata nel soggiorno, al suo solito in forma strepitosa, perfetta in ogni particolare,trucco che sottolinea i suoi lineamenti perfetti senza scadere nella volgarità, indosso un paio di shorts di jeans bianchi cortissimi, canotta rosa che lascia scoperto sia l'addome cesellato sia le braccia iper muscolose, apposta sta sollevando una ciocca,con la scusa di farmi vedere i capelli bagnati,ma so che invece vuole mostrare flesso il suo mostruoso bicipite e lasciare in bella mostra  gli orecchini a cerchio d'oro che gli ho fatto per Natale.
Per quanto mi piaccia Rosy devo ammettere che Alessia è la donna più bella del mondo, almeno secondo i miei parametri, però purtroppo è anche la più stronza del mondo, questo invece è oggettivo.
Non riesco a distogliere lo sguardo dal suo armonioso corpo, si siede e mi dice, "dai spara quali sono queste belle novità",
mi alzo e verso del amarone nei nostri calici, poi riempio i piatti con le pappardelle al ragù di cinghiale.
La vedo mangiare una bella forchettata di pasta e poi bere, un sorso del vino mi sorride e fa un cenno di apprezzare molto quello che sta mangiando mentre anche io la imito.
"dai Paolo non lasciarmi sulle spine parla".
"Ok, inizio subito ringraziandoti, ..."non ricordo bene il discorso che avevo preparato vado a braccio, "... da quando sei entrata nella mia vita me la hai sconvolta, a volte nel bene a volte nel male ..." la vedo confusa probabilmente non sa dove voglio andare a parare, "... ma devo ammetterlo hai mantenuto la tua parola di rendermi più felice ..." sorride compiaciuta, ".. senza di te non avrei mai conosciuto la mia nuova ragazza, Rosy, lei è perfetta per me,non smetterò mai di esserti grato per questo ", smette di sorridere per qualche istante sul suo volto compare un espressione omicida, i suoi pugni si stringono intorno alle posate, si sente un tintinnio quando le lascia cadere sul tavolo, temo le abbia piegate ma non posso distogliere lo sguardo dal suo per vedere, inizia a ridere di gusto , "ma guarda che mattacchione mi avevi fatto fessa per un istante, ci avevo creduto, come avevi detto? Rosy è perfetta per me, ma come hai fatto ad inventarti una storia del genere, ah ah ah ah", la scema ride, "perché fai così Alessia? perché non credi alla mia storia con Rosy? è tutto vero io la amo",
Almeno adesso si zittisce, mangia un altra forchettata poi con il volto rivolto al piatto mi dice, "lo sai che è la mia amante?",
mi verrebbe voglia di picchiarla mentre parla così mentendo spudoratamente, "l'avevi lasciata, non era più la tua ...compagna"per qualche secondo cerco il termine più giusto.
"e se ti dicessi che lasciarla era stata solo una tattica per poter passare la settimana bianca con te come ti avevo promesso in precedenza e poi l'avrei riconquistata ci crederesti?", per un attimo soppeso le sue parole, non mi lasciano indifferente , ma poi ragionandoci su non posso crederlo, "no non ci credo, se fosse vero ti saresti comportata come una vera stronza con Rosy,neanche tu faresti soffrire così una persona che hai amato per divertiti una settimana con un altro".
"Vedi! mi conosci bene, io non farei mai del male volontariamente a chi voglio bene, per questo mi devi credere, io la conosco bene Rosy non è adatta a te, tu meriti ben altro, lasciala prima che ti farà soffrire, la vostra storia non potrà finire mai bene è scritto", minchia se è decisa a fare la stronza, ma stavolta la posta è troppo alta, "tu parli così perché hai capito che è una cosa seria e di conseguenza dovrai trovare un altro posto dove stare, non ti preoccupare non ti lascio in mezzo ad una strada hai tutto il tempo che ti serve per trovare una sistemazione adeguata, ma inizia a guardarti in giro".
Si alza poggiando i palmi sul tavolo, anche così furiosa è adorabile, pericolosa come un branco di iene ma bella come una farfalla variopinta, "non capisci niente, io ho solo a cuore il tuo benessere perché nonostante tutto ti voglio bene, se non sono bene accetta me ne vado senza alcun problema ma tu lascia perdere Rosy non fa per te", si volta e va via, come arriva alla porta ritorna indietro su i suoi passi, mentre mi chiedo cosa voglia fare ancora la vedo con mio stupore mentre si prende il piatto con la pasta, la bottiglia di vino e la forchetta e solo dopo questo se ne va via.
Questa è l'ultima volta che devo discutere con questa matta, dovrei essere allegro per questo ma non lo sono, non riesco neanche a mangiare, esco e vado a fare una corsetta per schiarirmi le idee.
Rientro dopo due ore,la mente è ancora inquieta ma almeno ho una fame da orso,  così mentre mangio mi distrarrò, la tavola è quasi come l'avevo lasciata,ci sono tutti i piatti e le stoviglie , ma sono vuote solo tracce di sughi e salse fanno ricordare le pietanze che riempivano i piatti da portata, la stronza mi ha lasciato solo quattro cipolle sottoaceto, ed un biglietto, lo leggo al volo c'è scritto: Scusami ho esagerato, ma sono stata sincera ho parlato così solo per il tuo bene,Rosy non fa per te,ma temo che dovrai capirlo a proprie spese, ma non ti preoccupare ti ho perdonato,comprendo che le tue brutte parole sono dettate dal sentimento che ora provi per lei e non ti abbandonerò fino a quando questa storia non sarà finita, non sarai solo quando capirai il tuo errore e il tuo cuore soffrirà, sarò sempre qui per te a consolarti", faccio a brandelli il foglietto, ma che stronza non ha capito che è ora che se ne vada?, addirittura rimane qui per me, ma che grand altruista.

Pagine: [1] 2 3 ... 468