Crea sito

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - GranarTwo

Pagine: [1] 2 3 ... 7
1
Femuita Forum / Teenagers da sballo (Part II)
« il: 02 Marzo 2020, 19:25:13 »
evoluzione di una cheerleader asiatica

2
Femuita Forum / sizegirlbiceps
« il: 17 Luglio 2019, 10:04:32 »
Segnalo questo profilo instagram perché lo trovo veramente interessante, riporta per ogni fitness model:  l'altezza , il peso, l'età la circonferenza del bicipite flesso e il profilo della donzella, in poche parole esaustivo come in genere sono miei post  :D
piacevole alquanto l'ultima cangurotta segnalata la signora Sendi Jones  un vero spettacolo della natura

https://www.instagram.com/sizegirlbiceps/?hl=it

seguitelo mi raccomando! 730 follower sono veramente pochi per questo profilo.

3
Femuita Forum / aggiungi un posto a tavola
« il: 30 Novembre 2018, 14:52:39 »
Una delle situazioni più fastidiose secondo me è quando stai a mangiare fuori con una o più amiche e ti dicono, no il dolce non lo prendiamo, al massimo assaggiamo il tuo e poi finisce che se lo divorano sotto i tuoi occhi, certo se a farlo sono ragazze come queste cangurotte ci potrei passare pure sopra e pagherei anche il conto  ;)

4
Italiane / la magia degli effetti speciali
« il: 24 Aprile 2018, 19:54:48 »
Kurt come spesso gli capita, quando in piena solitudine si trova ad armeggiare alla sofisticatissima consolle per gli effetti speciali, non può fare a meno di riflettere sulla delusione che sta provando negli ultimi tempi, cosa molto strana visto che sta svolgendo il suo primo incarico di responsabile capo degli effetti speciali, due anni pieni di soddisfazione professionale, per due anni consecutivi si è aggiudicato l’emmy per gli effetti speciali per una serie televisiva, nessun esordiente c’era riuscito prima di lui, da tutti veniva considerato l’astro nascente della categoria, nel ambiente iniziavano a chiamarlo Magister, aveva ricevuto nel ultimo anno tante nuove proposte, per ultimo aveva detto di no perfino a James Cameron.
a tutti rispondeva che era sotto contratto per altre tre stagioni della serie che stava girando e per due film per il cinema tratti dalla serie stessa, ma la verità e che lui si sentiva quasi un truffatore, non riteneva di essere degno di accettare quelle offerte.
Questo lavoro lo metteva in forte agitazione aveva perso i suoi punti certi.
Doveva decidere se mettersi alla prova da un’altra parte o proseguire con questo strampalato progetto, non poteva negarlo c’erano degli aspetti che lo intrigavano parecchio, economicamente era ben remunerato, era testimone privilegiato di avvenimenti straordinari, collaborava con persone interessanti, si stava facendo una reputazione fenomenale ma il suo lavoro non lo gratificava per quanto sperato e desiderato.
In alcuni momenti gli capita di ricordare con nostalgia i tempi in cui era assistente per la serie supergirl, la sua occupazione principale in quel progetto era quella di rendere più massiccia la muscolatura della protagonista in azione, proprio per questa sua precedente esperienza era stato scelto per questo nuovo progetto tre anni prima, la prospettiva di essere il capo di se stesso e le infinite manipolazioni richieste  per continui incrementi muscolari lo avevano attratto al istante.
Kurt fu tra i primi a far parte della agguerritissima crew formata da Netfix con lo scopo di produrre e realizzare la serie kolossal tratta da una saga di supereroi teenager, Netfix aveva acquisito i diritti dopo una dispendiosa asta, l'esborso economico fatto suscitò un enorme clamore perché al epoca era uscito solo il primo volume nelle librerie e il secondo era in fase di produzione ma netfix volle bruciare la concorrenza in anticipo.
Le previsioni del colosso americano sulla saga sono risultate corrette, nel originale formato letterario sta ottenendo un successo paragonabile solo a quella di Harry Potter e Twilight.
 il creatore della saga si mostrava poco in pubblico ma Kurt lo conosce bene perché questi segue come responsabile di produzione e capo sceneggiatore il progetto della serie, un simpatico italo americano, Ron Grana,con lui Kurt ha instaurato un legame di rispetto, amicizia e complicità, la presenza costante di Ron è uno dei maggiori motivi per cui Kurt continua a rimandare una sua eventuale partenza, d'altro canto è proprio a causa di Grana che Kurt non si sente gratificato come dovrebbe essere, per meglio dire una proposta  di Ron ebbe la conseguenza di appiattire il lavoro di Kurt ma ha reso di fatto la serie un successo planetario.
Come consuetudine per prima si formò l’equipe tecnica, sceneggiatori, registi, effetti speciali e assistenti, poi si passò a formare il casting dei protagonisti, un mix tra volti nuovi, seri professionisti e vecchie star.
Parecchio tempo si è adoperato per trovare la protagonista assoluta, azzeccare o sbagliare lei determinava il successo o il fiasco della serie.
Netfix e Grana volevano realizzare un programma il più realistico possibile, cercavano una attrice o aspirante tale, visto l’età, che corrispondesse nella maniera più integrale possibile al personaggio della saga, Marion.
La storia segue le vicissitudini di Marion da quando ha sedici anni  a quando ne compie 24, almeno per il momento visto che Grana non ha scritto ancora la parola fine.
Tutti erano a conoscenza prima di avviare il progetto che era impossibile ritrovare una ragazza con le caratteristiche del personaggio creato dalla fantasia di Ron, intelligenza fuori dal comune qi superiore a 140, (caratteristica però facilmente riproducibile), conoscenza di almeno due lingue oltre l’inglese (anche questa riproducibile), alta circa 1,70, una terza di seno coppa d, addominali leggermente marcati, gambe sinuose da ballerina, volto affascinante, sorriso disarmante e naturalmente sensuale, fino a qui  le candidate erano una decina chi più chi meno avevano bisogno del ritocco di Kurt o di quello della costumista, la selezione diventava quasi impossibile quando si richiedevano agilità da ginnasta, notevole esperienza di arti marziali, abilità nei tuffi, forza e resistenza fisica molto sopra la media, inoltre Marion in ogni episodio dopo aver superato delle prove ardue e complicate in compagnia dei suoi migliori amici sfruttando la sua intelligenza e la sua abilità nella lotta arriva ad un punto in cui per difendersi da storici nemici ultrapotenti deve far ricorso ad un monile magico dei suoi antenati, questo gli dona un energia fisica supplementare e il suo fisico di conseguenza subisce un evoluzione, una crescita muscolare istantanea e temporanea, non paragonabile a quella di Hulk anche se per scopi sensuali anche lei distrugge in parte i vestiti che diventano più succinti e strategicamente lacerati, si parla di una decina di kili di muscoli ripartiti maggiormente nella parte superiore del corpo, trasformandola in una bellissima amazzone con dei bicipiti incantevoli e maestosi alta un metro e ottanta, questa parte doveva essere il fiore al occhiello di Kurt,una sfida abnorme rendere il tutto credibile,soprattutto senza costumi coprenti alla batman di Tim Burton.
Dopo due mesi di estenuanti ricerche che si stavano chiudendo con una scelta non propriamente azzeccata, l’autore Grana suggerì un nome, Camelia Virale.
Nessuno sapeva chi era, ma quando pur restia si presentò fu subito evidente che la ricerca era conclusa.
Il suo provino venne fatto davanti a pochissime persone la ragazza si presentava timida e riservata, Kurt fu uno di loro, Camelia chiamata da tutti Cami è una ragazza di una bellezza esotica sconvolgente ma con l’aria della ragazza della porta accanto, sedici anni un metro e settantacinque, a tutti è risultata clamorosa la sua corrispondenza con Marion, possiede un QI di 150, madre lingua Italiana e portoghese, inoltre conosce perfettamente l’inglese,il cinese mandarino e il thai,a livello scolastico francese e tedesco, fino a dieci anni era stata una promettente campionessa di ginnastica artistica,combattuta tra le federazioni italiana e brasiliana, aveva smesso perché contrariata che non la facevano gareggiare anche con gli strumenti maschili come ad esempio gli anelli dove mostrava capacità superiori ai suoi coetanei maschi, aveva trasferito le sue energie e passioni alle tecniche di corpo a corpo e arti marziali, le affrontava come un elaborato e pericoloso gioco di strategia e abilità, per poterle bene interpretare aveva potenziato il suo fisico con allenamenti massacranti e ben indirizzati da lei stessa elaborati
 Durante il provino Cami mostrò solo le sue abilità e capacità, non spiegò niente, in seguito Kurt venne a conoscenza di tutti i particolari, in parte dalla stessa Cami ma soprattutto da Ron.
La prova bikini fu superata tra gli applausi dei pochi osservatori, il suo corpo è il perfetto mix tra genetica e preparazione atletica, gambe lunghe e muscolose da ballerina, vita stretta, glutei ben modellati, alti e sporgenti il giusto, addome cesellato da un definito sixpack, forse troppo evidente anche a riposo per rispecchiare il soggetto, spalle ampie e toniche, la delusione se così si può dire Kurt l’ebbe quando in bikini Cami mostrò le sue potenzialità e abilità fisiche, si dimostrò fenomenale per la padronanza tecnica di cinque diverse arti marziali, ma la cosa più sbalorditiva era vedere i suoi muscoli ingrossarsi sottosforzo, sembrava vedere Marion uscire fuori dalle pagine dei romanzi mentre i suoi muscoli si incrementano, prese sulle spalle i 90 kili di Grana, l’unico presente che conosceva, e salì e ridiscese dalle scale che portavano alla piattaforma dei tuffi dei 10metri, quando ritornò giù neanche sudava.
Erano tutti entusiasti, Kurt ci mise un po’ per smettere di esserlo, quando comprese che con lei i suoi servizi erano al massimo quelli di nascondere un filino gli addominali e sfumare la larghezza delle spalle quando non era in modalità incrementata, il suo lavoro dopo quel provino si era trasformato  dalla complicata creazione di una muscolatura supplementare in azione a fare dei semplici giochini di sfumature degne di un novello foto ritoccatore, anche per l’altezza si trattava di baggianate, raramente s’inquadravano i piedi, pre trasformazione uso prevalente di ballerine e sandali, dopo la trasformazione scarpe con suole pare da 6/8 cm.
Cami che era una minorenne legalmente emancipata anche se viveva con i genitori che la seguivano amorevolmente, concordò tutto da sola confrontandosi con tutta la squadra di tecnici avvocati e produttori, anche in quel caso Kurt era presente, doveva esserci molte cose interessavano espressamente  lui.
Cami non era interessata alla carriera di attrice, non era interessata alla notorietà ma era molto interessata a mettersi alla prova e ad imparare, per questo poteva sfruttare al meglio la produzione coadiuvando Grana nella  sceneggiatura, inserendo prove di suo gradimento e scegliendo antagonisti dalla vita reale, su una cosa non transigeva non voleva diventare un’attrazione da circo perciò pretese che le scene che lei girava naturalmente di persona, ma di una difficoltà notevole per chiunque altro, fossero indicate come rielaborate dagli effetti speciali, in poche parole Kurt doveva prendersi il merito per scene effettuate senza neanche l’ausilio di un elastico o di una corda di tenuta, inoltre durante le scene particolari sul set doveva essere presente il solo personale strettamente necessario che doveva firmare moduli restrittivi di riservatezza,unica eccezione un produttore ed uno sceneggiatore,uno dei due era sempre Grana.
Inizialmente i produttori ed i finanziatori misero dei paletti ma dopo averla vista irremovibile e aver fatto due conti si convinsero che avevano tutto di cui guadagnare, realismo al minor prezzo di mercato visto che si azzeravano o quasi le spese per gli effetti speciali, lei non aveva preteso una cifra esagerata,anzi sotto la media considerando che oltre ad essere l’attrice protagonista figurava come aiuto sceneggiatrice, stuntman e  coreografo dei combattimenti, la riduzione di svariate figure tecniche rimosse perché inutili, Grana come sceneggiatore non si lamentò per le richieste anzi si mostrò molto collaborativo, forse troppo per chi lo conosceva.
La prima richiesta di Cami è stata la più difficile da accettare per Ron perché riguardava un aspetto peculiare delle sue storie, Marion studente di un istituto privato per famiglie facoltose è la protagonista assoluta nelle novelle dove è assistita da tre compagni di scuola, una ragazza e due ragazzi, sono tutti e quattro gli ultimi rampolli delle loro casate, i tre vivono per servire Marion che è la discendente dei legittimi eredi del sacro romano impero, anche loro possiedono degli amuleti magici che gli conferiscono dei poteri, qui è subentrata Cami, per un sortilegio del loro antagonista principale i tre amuleti sono stati distrutti resta attivo solo quello di Marion, con la conseguenza che i tre ragazzi la supportano fino a quando il gioco non si fa estremamente duro e da quel momento in poi la scena rimane solo per lei, in poche parole i tre personaggi coprotagonisti servono solo per la parte teen commedy mentre per la parte action adrenalinico Marion diventa protagonista assoluta.
Cami spiegò a Ron che lo aveva fatto solo per un gusto personale, non gli piaceva quando nei film le riprese di lotta si devono alternare tra diversi scontri contemporaneamente, preferisce vedere uno scontro unico in presa diretta, su questo Grana gli diede ragione e visto il successo anche il pubblico.
Il secondo suggerimento/ imposizione che diede riguardava  l’ambientazione del episodio pilota, originariamente Marion doveva partecipare come capo squadra ad un torneo interscolastico di judo, propose che Marion invece partecipasse al vero campionato mondiale di bjj nella categoria under 20 open, l’ultima in cui si potevano fare incontri tra maschi e femmine e senza suddivisione di peso.
Inizialmente non avevano compreso che lei intendeva essere iscritta al vero campionato del mondo, quando misero a fuoco la proposta vedendo che lei si mostrava sicura di ben figurare furono entusiasti, Cami gongolava perché desiderava parteciparci ma non aveva i requisiti, mentre la produzione con un congruo contributo convinse gli organizzatori ad accettarla nonostante non avesse ottenuto il diritto di parteciparci.
Ci fu un battage pubblicitario enorme, una stella della televisione partecipava ad un vero torneo di arti marziali e i suoi incontri avrebbero fatto parte del girato del episodio pilota, i reportage sottolinearono l’avvenenza di Cami e la sua abilità nella lotta, il risultato fu clamoroso, nelle sezioni pomeridiane riservate ai campionati giovanili c’era il pienone e i biglietti si compravano dai bagarini a prezzi esosi mentre nel serale quando combattevano i campioni assoluti sia maschili e femminili c’erano diversi posti vuoti, per non parlare del interesse di giornalisti e televisioni, avere un accredito giornalistico per il torneo giovanile dopo due ore dalle emissione fu impossibile,varie testate rimasero escluse, la sera si formava un po’ di panico solo quando alcuni giornalisti provavano ad intervistare Cami che quando poteva seguiva il torneo assoluto sugli spalti.
Non era tutto idilliaco si erano creati alcuni rancori, i bookmakers non avevano potuto piazzare scommesse sul torneo giovanile perché era poco credibile che i risultati non venissero pilotati per favorire la star, i campioni più affermati la detestavano, loro si erano fatto il mazzo per arrivare a quel punto e adesso nel momento di gloria tutti i riflettori erano puntati su una ragazzina che stava li grazie al seno e al fondoschiena.
Il torneo under 20 non faceva distinzione tra ragazzi e ragazze almeno sulla carta, erano quattro edizioni che non partecipava una femmina, nella categoria over non c’è limite di peso, è la più ambita perché quelli veramente forti si iscrivono in quella categoria, risulta più gratificante arrivare quarto nel open che vincere il titolo dei medi, questo fatto sminuisce le altre classi di peso ma chi partecipa lo fa per mettersi in mostra con le varie leghe che gestiscono i tornei semi professionisti mma.
Erano trentadue gli aventi diritto a partecipare, in maniera anomala per questi tornei l’organizzazione concesse una wild card per Cami, il problema di essere diventati 33 venne risolto con un pre incontro di qualifica, dovevano partecipare la testa di serie 32 e quella 31, visto il malumore e l’astio mostrato dagli altri Cami chiese e stranamente ottenne di sfidare lei la testa di serie 32, anzi aggiunse che rappresentando il brasile e visto che ogni nazione poteva portare solo due rappresentati suggerì che era più giusto se la sfida era tra lei è il secondo avente diritto tra i brasiliani, Joao De Pedra testa de serie nr 27.
Visto che anche Joao approvava l’organizzazione accettò questa variante più conforme al regolamento.
Kurt che era seduto vicino a Grana si stupì nel sentirgli dire, “che faccia tosta sta ottenendo proprio quello che vuole”, “Ron ma che intendi dire?”, “la stronzetta non si è limitata ad entrare nel torneo, ci entra da dove voleva lei, da testa di serie 27”, Kurt non comprende ancora che vuol dire, “Ron mi vuoi far diventar matto,perché è così importante entrare come testa di serie 27? Che vantaggio comporta?”, Ron scuote la testa “il contrario nessun vantaggio anzi è la posizione più scomoda nei tabelloni con 32 teste di serie, guarda gli abbinamenti obbligati”, Kurt visualizza il percorso della testa di serie 27, sedicesimi contro la testa di serie nr 6, ottavi contro la testa di serie 11, quarti contro la testa di serie 3,semifinali contro la testa di serie 2 finale contro la testa di serie 1, “capisco se negli altri incontri si rispettano i valori delle teste di serie lei se vince incontrerebbe i tre più forti uno dopo l’altro e in un crescendo di sforzo, affrontando il più forte dopo aver consumato il massimo delle energie possibili, se vince nessuno potrà affermare che non se lo è meritato”, “sbagli su una cosa, piccola ma fondamentale Kurt”, il tecnico degli effetti speciali curioso chiede “dove sbaglio?”, “parlando di Cami non devi dire se vincerà ma quando vincerà, inoltre lo sai lei non ha interesse a dimostrare qualcosa agli altri lei combatte per se stessa, lei vuole mettersi alla prova per studiare i suoi limiti, lo sai che cosa ha preteso dopo aver sentito che Tycoon durante una riunione di produzione suggeriva che dovevamo offrire un premio agli avversari di Cami per farsi batttere?”, “non lo so, adesso che mi ci fai pensare  però è un po’che non vedo Tycoon”,
“nel set non lo vedrai mai più, perché la prima cosa che ha chiesto Cami, dopo che sono riuscito a trattenerla mentre stava per aggredirlo, è stata quella di cacciare Tycoon dalla produzione, la seconda di offrire un premio per chi la batte per spronare i suoi avversari ad impegnarsi ancora di più, chi la batterà avrà 20000 dollari se vincono per verdetto degli arbitri e 50000 dollari per vittoria per sottomissione o ko, lo sanno solo gli atleti neanche i loro allenatori ne sono a conoscenza, perché pensi quel Joao era così contento di incontrarla nel preliminare, il bestione già mentalmente starà spendendo i miei soldi”, “Tycoon cacciato via, il produttore esecutivo capo? I tuoi soldi?”, Kurt più sente le spiegazioni di Ron è maggiore è il suo stupore,
“che ti devo dire Kurt, ormai questa serie è legata indissolubilmente a Cami, la sua volontà è legge,o almeno quasi sempre, la sua richiesta di stanziare il premio è stata rifiutata ma lei non lo sa , di nascosto a loro ho usato i miei soldi, quindi se perde li dovrei sborsare io ma Cami sa che è la produzione a credere in lei, questo è un segreto Kurt mi raccomando se si sa in giro rischiamo che il progetto affonda prima di iniziare, non sei curioso di sapere dove ci porterà La voglia di Cami di mettersi alla prova?”, Kurt non rispose, era stupito nel sentire lo sceneggiatore capo che si domandava che trama stesse per intraprendere la sua serie, la storia da lui creata, chi doveva saperlo se non lui lo stesso Grana.
Quindi il primo incontro in assoluto del campionato del mondo è stato il suo preliminare, doveva effettuarsi poco prima di quello delle categorie giovanili, ci fu il caos, tra i famigliari dei bambini e ragazzini, i curiosi e i giornalisti, per non parlare della troupe capeggiata da Kurt e Grana, il palazzetto era ben aldilà della sua capacità.
Autorizzati dalla organizzazione vicino al tappeto degli incontri c’erano i tre attori che recitavano la parte di amici di Marion, su tabellone appariva il nome Marion Roman e la seconda squadra di ripresa aveva piazzato quattro telecamere,uno sforzo da megaproduzione.
Solo Grana mostrava realmente serenità nonostante avesse investito e rischiava più di tutti, ma era anche l’unico che conosceva bene Cami in quel momento.
L’avversario di Cami/Marion, Joao è leggermente più alto di Cami, 178 cm, ben più pesante 83 kili, punto di forza la lotta a terra, per i suoi 19 anni molto esperto ma per competere ad alti livelli poco potente
Ci furono due lunghi minuti di studio con entrambi che provavano a ghermirsi  e svicolavano, Cami stava agendo in maniera speculare al avversario, lo stava proprio studiando, aveva letto tutto quello che c’era su internet su di lui,come aveva fatto con gli altri lottatori del resto.
Sapeva qual era la sua mossa vincente l’armbar, si lasciò portare naturalmente a terra e si fece ghermire il braccio, Joao rideva mentre stringeva il polso destro di Cami e con le gambe si prestava completare la presa articolare, ma Cami stringeva le proprie mani tra di loro mantenendo la difesa armlock evitando di fargli completare l’armbar, Joao iniziò a provare in tutti i modi conosciuti, ma la potenza della stretta di Cami era troppo al di sopra delle sue possibilità, solo Joao poteva sentire la durezza ed il gonfiore dei bicipiti di Cami mentre contrastava tutti i suoi sforzi, il ragazzo provò almeno due volte ognuna delle cinque tecniche diverse che esistono per rompere un armblock senza alcun successo, la potenza che sviluppano le braccia di Cami è di un livello così superiore che Joao non ha alcuna possibilità di contrastarla.
Come si rese conto che Joao aveva utilizzato tutto il suo repertorio e quindi non aveva niente più da imparare Cami ribaltò la posizione prima puntando i piedi e spingendo in alto, arcuò il suo corpo ed effettuò un ribaltamento laterale ruotando sul corpo del disorientato Joao che si trovò suo malgrado vittima di un armbar indistricabile, abbandonò la sfida dopo cinque secondi di inutili tentativi, Cami evitò di creargli danni alle articolazioni attese la sua resa senza sforzarsi.
Tutti i bambini e le bambine che dovevano da li a poco iniziare i loro tornei accerchiarono Cami in cerca di autografi e selfi.
“che palle adesso ci dobbiamo sorbire tutti sti bambini, il torneo under 20 riparte nella sezione pomeridiana ma se ci allontaniamo da qui poi dobbiamo rimanere in piedi in culo alla luna”
“Kurt si vede che hai molto da imparare,ormai sei il responsabile capo degli effetti speciali,chiama due assistenti di produzione e digli di venire qui a tenerci in caldo i posti,noi ci andiamo a rivedere in cabina di regia l’incontro e poi andiamo a mangiare, a che pensi servano tutti quegli stagisti?”.
Nel pomeriggio il torneo under 20 prevedeva due turni, sedicesimi ed ottavi.
Kurt e Grana poco prima del inizio del primo sedicesimo recuperarono i loro posti mandando via i due poveri assistenti, Grana gli aveva procurato un cartone di pizza e due bibite e i due schiavetti gli furono anche grati.
“Ron ancora non capisco come hai potuto stendere la sceneggiatura del episodio, è previsto che vinca il torneo? Se si come possiamo esserne certi di questo? Se invece perde uno qualsiasi degli incontri? Mi fa male la testa solo a pensarci”,
“domanda strana visto che la stai facendo proprio tu che sei stato presente a tutte le riunioni di coordinamento, la nostra è una sceneggiatura aperta, sliding doors potremmo chiamarla, se vince segue il percorso narrativo principale altrimenti se subisce una sconfitta il suo avversario automaticamente sarà il rappresentante inviato dai  suoi mortali nemici Barbarians e lei di fronte ad un folto pubblico non ha potuto trasformarsi, avrà la rivincita in un secondo tempo quando potrà utilizzare il potere del amuleto”,
“Credo che sta volta Ron stai sbagliando”, “Io sbaglio? cosa sbaglio?”
“Con Cami devi parlare di quando vince e non se vince”, Ron sorride sentendo usare il suo ragionamento contro di se, “bravo il mio Kurt,piano piano stai imparando, la sceneggiatura sliding doors è una mia invenzione per tenere a bada la produzione e gli investitori, non avrebbero accettato un,state tranquilli Cami rompe il culo a tutti quei maschioni incazzati,”
Il sedicesimo di finale di Cami la vedeva contro la sesta testa di serie Tamil un canadese di origini thailandesi,da tutti considerato il lottatore più tecnico e veloce del torneo, unica pecca il fisico non imponente, alto 1,69 per 73 kili,l’unico tra le dieci teste di serie più basso del metro e ottanta e sotto gli 85 kili di peso, ma nonostante questo era un predestinato, sarebbe diventato a breve una stella di qualche circuito grazie alla spettacolarità delle sue mosse, invece le prime quattro teste di serie considerate da tutti almeno due categorie sopra tutti gli altri non hanno la certezza di entrare in un circuito importante.
L’incontro iniziò con entrambi che si tenevano una manica del gi e un bavero, ruotavano in un senso fino a quando Tamil non tentava un armbar flyer, saltava con le gambe a forbice puntando al collo di Cami che con uno scatto e tirandolo in basso  con veemenza con le braccia lo mandava a vuoto facendolo ricadere in piedi, a quel punto iniziavano a ruotare nel senso opposto, Tamil si era intestardito voleva dimostrare che una novizia come lei non poteva resistere al suo armbar flyer, ci provò ben sei volte, dalla terza iniziò a dire in thailandese stronza puttanella smettila di resistere, sbagliando di grosso, come iniziò la settima rotazione lo scatto di Cami fu rapidissimo, realizzò l’armbar flyer al primo tentativo, con il suo peso trascinò Tamil a terra, irata dalle parolacce sentite forzò un po’ di più tirando la leva articolare, urlando di dolore Tamil si arrese, immediatamente Cami lo lasciò andare, quando l’arbitro decretò la vittoria Tamil era ancora in ginocchio dolorante.

5
Femuita Forum / Fiori d'arancio
« il: 12 Marzo 2018, 13:43:26 »
Come sono belle le spose che mostrano i muscoli il giorno delle nozze   :-*


6
Femuita Forum / Donne e motori , gioie e...
« il: 25 Novembre 2017, 12:19:25 »
 :o

7
Femuita Forum / Liscia gassata o F....
« il: 17 Gennaio 2017, 20:54:17 »
Come la preferite Liscia, Gassata o Ferr....?

8
Un posto qualunque / Buone Feste a tutti
« il: 24 Dicembre 2016, 11:46:46 »

9
Femuita Forum / Chi se la vuole fa' sul sofà?
« il: 13 Dicembre 2016, 20:23:57 »
Difficile trovare di meglio  :-* :-* :-* :-*

10
 :) :) :) :) :) :) :) :)

11
Italiane / Un ragazzo sfortunato
« il: 03 Aprile 2016, 23:46:32 »
Ciao, Sono Paolo ho 20 anni, sono nato a Roma e dal età di 16 anni vivo poco fuori Merano, a Lagundo per la precisione.
La mia famiglia si è dovuta  trasferire a causa della promozione a capitano di mio padre e al conseguente suo nuovo incarico di comandante del distaccamento delle gdf di Merano.
Voglio raccontarvi la storia di un ragazzo veramente sfortunato, non mi riferisco a me, certo quando ho saputo che dovevo trasferirmi tra i crucchi non ho fatto i salti di gioia, sento ancora la nostalgia della mia Roma ed i primi tempi sono stati problematici, ancora oggi provo una forte nostalgia per la mia Roma ma alla fine qui ho trovato qualcosa che la mitiga pienamente.
Il vero protagonista della mia storia è Rudolph detto Rudy, lui è il mio migliore amico nonostante sia un crucco dalla testa ai piedi, almeno come carattere e atteggiamenti, non ha preso niente dalla famiglia della madre, una venezuelana che da giovane era una vera bellezza ed ancora oggi si fa ammirare dal altro sesso, mi dispiace dirlo perché è sua madre ma è una gran bella milf.
Da quando lo conosco considero Rudy il ragazzo più sfortunato della terra, lo so anche io che sto esagerando, la mia è un iperbole pura e semplice, Rudy non ha problemi ne di salute ne di sostentamento, che sono sicuramente cose ben più serie del suo problema, ma vi posso giurare che non vorrei essere al suo posto per nessun motivo al mondo.
Il suo stato d'animo non può essere sereno neanche in questa assolata giornata estiva mentre è circondato dai suoi amici, sarebbe meglio dire dai suoi compagni di comitiva, tra loro sono l'unico che gli è amico veramente.
Lo conosco troppo bene ormai sta dissimulando il suo nervosismo continuando a parlare ininterrottamente, come noi altri sta prendendo il sole ma lui è l'unico sdraiato sullo stomaco, io e gli altri cinque siamo seduti con gli schienali ben dritti, neanche il suo parlottare ci distrae dalla nostra occupazione principale, in silenzio siamo impegnati ad ammirare la causa dei problemi di Rudy.
Poco distante da noi proprio a bordo piscina, distesa su un telo mare, c'è Astrid Marisol sua sorella minore che prende il sole, i raggi sembrano giocare sulle curve del suo fisico sodo e sinuoso risaltando ogni suo muscolo forgiato nei suoi sedici anni di vita dedicata allo sport.
Come di consueto siamo impegnati a sbavare dietro la divina Astrid.
Rudy sa benissimo che gli altri gli sono amici perché solamente così possono stare vicino a sua sorella, è paradossale che qualcuno affermi che si deve sentire fortunato per avere per sorella una dea.
Per quanto mi sforzi non riesco a concepire cosa ci sia di bello in questo, si alza al mattino ed una delle prime immagini che gli si mostrano è il fisico statuario mezzo nudo della più bella ragazza in circolazione e lui neanche può fantasticarci sopra perché è la sua sorellina,sa di essere intelligente ma chi lo avvicina non lo fa per conoscerlo ma per usarlo come mezzo per avvicinarsi alla dea altrimenti irraggiungibile, sa che negli ultimi anni i bulli, che lo avevano assillato nei suoi primi diciassette anni di vita, non gli danno più fastidio perché temono a ragione le rappresaglie di lei la sua piccola sorellina,
Crescendo ha scoperto di avere problemi anche a portare in famiglia una fidanzata,tutte le ragazze carine che ha frequentato dopo aver conosciuto Astrid hanno avuto problemi di autostima e adducendo scuse puerili lo hanno mollato per non doversi confrontare quotidianamente con la perfezione assoluta, poveraccio ha anche provato a rimorchiare delle ragazze bruttine ma abituato alla visione di Astrid non riusciva proprio ad accontentarsi, come dargli torto del resto con una madre ed una sorella così i suoi modelli di riferimento del estetica femminile sono veramente elevati.
Certo il suo problema non è la madre per quanto sia una bella signora ma è soltanto lei Sol come la chiamo io, stranamente tutti gli altri preferiscono chiamarla Astrid, non dico che non gli si addica come nome, se non erro può significare amata dagli dei o forza divina in entrambe le accezioni le calza a pennello ma lei è così solare e latina che per me le dona di più Marisol o come abbrevio io Sol.
Forse è meglio che faccio outing subito intanto durante la narrazione sarò costretto a dirlo, devo ammetterlo anche io sono diventato amico di Rudy per stare vicino a Sol.
Devo fare un passo indietro e spiegare come è successo.
Come vi ho già detto a sedici anni mi sono trasferito a Merano, ci trasferimmo in Luglio, ben presto mia madre e sua madre fecero amicizia, mia madre aveva trovato posto come ragioniera nel grande magazzino dove la madre di Rudy era da anni la responsabile del reparto acquisti, quando scoprirono che avevano entrambi un figlio che doveva frequentare  il terzo anno del liceo scientifico organizzarono subito una bella riunione per farci conoscere.
Mi ricordo benissimo la prima volta che ho conosciuto Rudy, era un sabato pomeriggio mia madre mi accompagnò a casa loro, giungemmo in anticipo, Rudy doveva ancora rientrare, così attesi il suo ritorno seduto sul divano del soggiorno mentre le nostre madri parlavano di vari progetti, un'ora veramente allucinante.
Non si migliorò la situazione neanche con l'arrivo di Rudy e Sol, inizialmente Rudy neanche si accorse di me, fu la madre ad indicarmi, ci presentò e lui si sedette sulla poltrona di fronte a me, non ricordo come e quando apparve Sol ma ad un certo punto era li e dopo avermi salutato si posizionò sullo stesso divano dove ero seduto io ma all estremità opposta.
Vi posso descrivere nei minimi particolari l'abbigliamento di Rudy ma anche sforzandomi non mi ricordo niente di Sol, solo che rimase quasi tutto il tempo a fissarmi, io non credo di averci buttato più di un occhio dalla sua parte in fondo era una semplice bambina.
Le nostre madri poco dopo ci lasciarono soli, tentarono di convincere Sol a seguirle dicendogli che andavano a provare dei cosmetici ma lei rimase seduta alla mia destra.
Rudy parlò delle due uniche cose che al momento gli interessavano, la scuola e i risultati sportivi della sorella, cosa alquanto strana dato che lui non amava e non ama tuttora l'attività fisica, con un unica piccola eccezione,  ma ritiene che i risultati della sorella, in alcuni casi veramente eccezionali, sono parzialmente merito suo.
Parlò per più di un ora saltando da un discorso al altro senza mai chiedermi mai qualcosa di me come se non gli interessasse quello che pensavo o che tipo fossi, devo ammetterlo dopo 30 minuti del suo soliloquio già lo avevo etichettato come un ragazzo da evitare, non sbagliavo ritenendolo un emarginato dal gruppo sociale della scuola, fu facile comprendere che socializzare con lui avrebbe causato più svantaggi che vantaggi nel mio inserimento nella nuova scuola.
Ricordo ben poco di quello che disse tranne la parte conclusiva, iniziò a parlare dei risultati ottenuti da Sol la settimana prima ai regionali giovanili di atletica leggera:
"la mia sorellina è stata fenomenale, ha vinto tutte e cinque le gare che ha partecipato, avrebbe realizzato nove record nazionali se potevano essere registrati"
"scusa come può aver fatto nove record con cinque gare?" sentita la mia domanda mi guardò come se fossi un povero idiota e con fare accondiscendente mi disse,
"ovvio, data l'età i suoi in teoria sarebbero stati cinque primati allievi e quattro di questi anche under 20" allargò le braccia per sottolineare la banalità della cosa, forse Sol in quel momento comprese che ero in imbarazzo e prese lei la parola:
"fratellone a proposito il mister Patrick dice che dati i risultati dovrei provare a fare l'eptathlon"
lo vidi infervorarsi, "quel Patrick non capisce niente, Astrid quante gare hai fatto ai regionali?"
"... cinque"
"bene, quante medaglie d'oro hai vinto?"
"... cinque"
"quindi perché dovresti impegnarti in una specialità che ti fa fare sette gare ma ti fa vincere soltanto una medaglia d'oro? l'eptathlon è per chi è discreto un po' in tutto e forse bravo in una specialità non per chi come te è una campionessa in tutto quello che fa", Sol scattò dal suo posto e corse ad abbracciare il fratello,
"hai ragione come sempre fratellone", adesso potevo decidere di stare zitto ma volevo recuperare qualche punto e far vedere che conoscevo l'argomento.
"dai retta a tuo fratello, nel eptathlon c'è anche il lancio del peso, facendolo potresti diventare come le campionesse di quella specialità che hanno dei fisici bruttissimi, sembrano uomini con il reggiseno e uomini grassi addirittura",
Sol lasciò di scatto il fratello si mise in piedi e mi fissò poi con gli occhi lucidi corse via ansimando, provai ad alzarmi e corrergli dietro ma Rudy distese il braccio e facendo un cenno con la testa mi disse:
"fermo, non ti preoccupare tra poco gli passa",
"ma che ho detto di male?"
"il lancio del peso è una delle cinque gare che ha vinto, con una misura bestiale del resto, 19 metri in Italia è la terza prestazione assoluta di tutti i tempi, lei a tutti gli effetti è una di quelle atlete che sembrano degli uomini grassi come dici tu", per la prima volta lo vidi sorridere.
Scivolai di nuovo a sedere, non so se ero più sconvolto per la gaffe o per aver scoperto che quello scricciolo di dodici anni alto circa un metro e 40 per 40 kili poteva gareggiare con le campionesse italiane.
"come posso scusarmi?",
"lascia perdere, tra poco se lo scorderà, come del resto farà con l'atletica leggera, penso che a settembre inizierà a praticare un altro sport"
"come una campionessa come lei decide di abbandonare per una mia battuta?"
"starai scherzando vero? sai che gli interessa del tuo parere, lei è fatta così non riesce a praticare uno sport per più di un anno, deve sempre cambiare"
"perché lo fa?",
si piega verso di me come per rivelarmi un segreto che non deve essere colto da orecchie indiscrete, lo assecondo e lo imito.
"è una femmina, alla fine non sa cosa vuol dire impegnarsi, cosa significa la parola costanza, lo sai come sono fatte hanno le loro fisse, seguono le mode e poi tocca a noi risolvere i problemi.
Da quando aveva cinque anni che pratica sport, ha iniziato con me con il tennis quando io avevo già frequentato per due anni, l'anno dopo mi convinse a lasciare il tennis e a fare nuoto, l'assecondai e ci iscrivemmo entrambi a nuoto, io smisi subito sai era così monotono non come il tennis, l'anno dopo fece ginnastica artistica, ad otto anni judo, a nove pallavolo, a dieci karate, ad undici l'atletica leggera vediamo adesso che vorrà fare che ha compiuto i 12 anni"
"tu oltre al tennis che hai praticato?"
"niente non mi piace lo sport".
Fui costretto da mia madre a frequentarlo fino al inizio della scuola, riuscirono a metterci nella stessa classe. come iniziò la scuola ottenni le conferme di quello che avevo intuito di lui, era isolato completamente dal gruppo e seguirlo mi avrebbe solo danneggiato,presi la decisione mi sarei allontanato da lui ma la prof ci fece fare un compito a casa ed ero in ritardo con la preparazione a causa del livello superiore del liceo di Merano con il mio vecchio di Roma ero molto indietro con il programma, non avevo scelta dovevo lavorare un ultima volta con Rudy, certo lui non lo sapeva che era l'ultima volta.
Mi trovavo in camera sua a studiare quando mi disse,
"vado di sotto a prendere qualcosa di rinfrescante, ti va bene la coca cola?",
"va benissimo, intanto se non ti dispiace devo andare al bagno ",
"fai pure usa il mio", indica una porta sulla parete laterale mentre lui esce verso il corridoio.
Faccio il mio bisogno e sto per lavarmi le mani quando si apre una seconda porta, scoprii così che aveva il bagno in comune con la sorella, cosa ovvia vista la quantità di flaconi di vario genere che affollavano le mensole.
Mi giro verso il rumore della porta che si apre e la vedo, si può dire che quella è stata la prima volta che l'ho vista davvero.
Sol era davanti a me impietrita immobile,
"cavolo ma è occupato", quando si è bloccata si stava togliendo la maglietta, probabilmente doveva farsi la doccia, stringe le braccia a coprire i due piccoli ma perfetti seni, in basso è coperta solo da un piccolo slip giallo, so che dovrei distogliere lo sguardo, ma rimango abbagliato dal suo addome, ha gli addominali lievemente segnati, io adoro le ragazze toniche e non avevo mai visto prima di quella volta un six pack femminile così da vicino.
é l'istinto a muovere il mio braccio, distendo la mano e allungo l'indice e con la punta tocco una delle linee di demarcazione dei pacchetti ed esclamo,"ma cosa?",
forse a causa del tocco lei si irrigidisce e scopro che inizialmente era rilassata, il suo ventre ha una contrazione e i pacchetti sporgono in maniera più evidente qualche piccola vene fa capolino sulla sua pelle abbronzata,
"sono addominali , non li hai mai visti prima?" mi dice sorridendo, ha ormai ripreso il controllo di se stessa, continua a coprirsi il seno ma mi guarda di tre quarti sorridendo, "forse è meglio che ti lascio solo così finisci quello che stavi facendo", 
Si gira nascondendo la visione celestiale dei suoi addominali, chiude la porte, io con uno scatto la chiudo a chiave, tra a me e me penso, "che lineamenti delicati che fisico, questa tra qualche anno farà impazzire i ragazzi", il mio pene non è d'accordo sulla tempistica, lui è già eccitato preme con violenza contro la patta.
Devo ammetterlo quella è stata la mia prima volta, la prima volta che mi sono masturbato a casa di estranei, non fu semplice, mentre ero impegnato avevo da una parte Rudy che mi ripeteva da dietro la porta se avevo problemi e da dietro l'altra porta Sol che mi chiedeva se avevo finito, cavolo ogni volta che lo diceva mi sembrava di ricominciare, sentivo ancora sulla punta del mio dito il contrarsi dei suoi addominali.
 
Non potevo fare a meno di rivederla, per questo motivo ho iniziato la mia amicizia con Rudy.
la motivazione non mi fa certo onore ma a mia discolpa con il tempo lui è diventato il mio migliore amico soprattutto perché io mi sono impegnato, diciamo che studiandolo l'ho meglio compreso e l'ho aiutato a smussare i sui aspetti negativi rendendolo meno introverso,
Rudy aveva grossi problemi ad interagire con il prossimo, questo a causa dei suoi genitori e della sua rigidità, prendeva le cose troppo seriamente, quando a l'età di nove anni gli dissero che doveva prendersi cura della sorella lui l'ha preso troppo alla lettera e i genitori contenti di avere più tempo per loro non si sono accorti dei problemi che gli procuravano.
Letteralmente ha trascorso l'infanzia a fare da chioccia alla sorellina e a studiare,
questa era la sua giornata tipo, sveglia, colazione, scuola, pranzo, accompagnare Sol alle sue attività sportive, attenderla e mentre lo fa studia, accompagnarla a casa, aiutarla nei compiti e finire i propri, cena e letto, poco spazio per imparare ad interagire con i propri coetanei, problema ampliato dal fatto che risultando sempre il primo della classe i compagni richiedono il suo aiuto che lui d'altronde elargisce con gioia ma nel farlo si mostra al quanto superbo risultando inevitabilmente antipatico e inoltre non si piega quando i bulli non vogliono semplicemente il suo aiuto ma che gli faccia effettivamente i loro compiti, subisce negli anni molte prepotenze, piccole cose, ma che per un bambino sono montagne invalicabili, non dice mai niente in famiglia perché il padre ripete sempre che i problemi vanno risolti da soli.
La nostra amicizia ha fatto bene a tutti e due, lui è più espansivo ed empatico ed io vado meglio a scuola.
Anche se dovevo fare il riservato nascondendo il mio grande interesse per Sol non avevo problemi a venire a conoscenza di tutto quello che faceva.
Come ho già detto era il suo principale argomento di conversazione, bastava lasciarlo parlare e inevitabilmente  finiva per parlare di lei, questo almeno nei primi due anni della nostra amicizia poi ha ampliato gli interessi.
Un suo discorso tipico dei primi tempi
"Domani abbiamo il compito di matematica ed io ho la testa presa da quella scema, mi ascolta sempre ma stavolta ha fatto tutto di testa sua"
"che ha combinato questa volta tua sorella?" la mia domando la buttavo li come se non m'interessasse ma pendevo dalle sue labbra.
"come avevo previsto ha lasciato l'atletica leggera ...",
"peccato pessima idea"
"fammi parlare Paolo, non è questa la pessima idea, ormai della sua instabilità mi sono fatta una ragione, il problema è lo sport che vuole praticare ...", ha tutta la mia attenzione adesso,
"quale sport?",
"se mi lasci parlare ci arrivo, non ha voluto sentir ragioni si è impuntata testarda come è, vuole fare boxe preagonistica",
"preagonistica? che vuol dire?",
"fai tutta la preparazione del pugile ma non fai gli incontri e lavori anche con i pesi", questo era un altra sua peculiarità, ogni volta che la sorella sceglieva uno sport lui studiava i migliori manuali  e diventava un grande tecnico a livello teorico.
"è un male questo?"
"scherzi? come preparazione è ottimale ma lei dopo il nuoto ha già le spalle larghe per la sua corporatura, dopo la ginnastica ha delle braccia molto forti per una ragazza, e poi l'addome è già ben definito, ma ci pensi come può diventare mia sorella con le spalle più  larghe e nerborute, le braccia con due bicipiti gonfi come un pompelmo e con degli addominali granitici e sporgenti? mi stai a sentire ci pensi a come può diventare Astrid?",
(cazzo si che ci penso, i miei desideri più reconditi che si realizzano), "scusami ma devo andare in bagno di corsa"
"Paolo devi farti vedere vai troppe volte al bagno, vado di sotto a prendere qualcosa da bere in tanto credo che ne avrai per un po'"
"si si , fai con calma che la cosa è molto lunga".

12
Un posto qualunque / Buone Natale e felice anno nuovo
« il: 20 Dicembre 2015, 22:14:41 »

13
Femuita Forum / i pettorali di Klaudia Marcinkovics
« il: 03 Settembre 2015, 19:36:43 »
notevoli  ;D

14
secondo il mio modesto parere la Radwanska si poteva risparmiare di dire queste stron....

https://it.eurosport.yahoo.com/notizie/tennis-radwanska-contro-i-muscoli-voglio-restare-femminile-163931859--ten.html

Pagine: [1] 2 3 ... 7