Crea sito

Autore Topic: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)  (Letto 15601 volte)

giobic

  • Visitatore
Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« il: 06 Ottobre 2004, 21:27:47 »
Ciao ragazzi, avevo gi? fatto sull'altro forum, scrivo anche qui le esperienze che mi sono capitate, e questa ? molto vecchia, risale infatti a meno di due ore fa!!!!. In realt? il protagonista non sono io, sono stato solo lo spettatore interessato, ma ? possibile che qualcuno che legge o posta qui sopra si riconosca in questa storia, anche perch?, avr? un notevole ematoma sulla spalla destra. Allora: alle 7 prendo la metropolitana per tornare a casa, mi devo fare tutto il viaggio da un capolinea all'altro e mi guardo in giro per scoprire qualcosa di interessane. Nulla, n? dal nostro punto di vista, n? da nessun altro punto di vista. :( Ad un certo punto sale un ragazzo abbastanza magro, con gli occhiali rotondi e i capelli corti, che percorre tutto il vagone osservando tutte le donne, di qualunque et?, presenti sul vagone medesimo e. alla fine si viene a sedere quasi di fronte a me. Alla fermata di Termini, c'? il solito ricambio di passeggeri e sale una donna, sulla quarantina circa, molto elegante e molto affascinante, con un tailleur grigio. :) Sulla metro, si sa fa caldo, cos? la signora, che era in piedi e si reggeva al sostegno, si toglie la giacca. Come lo fa sgrano tanto d'occhi :o, la signora ha due braccia magre, ma molto toniche con tante vene sottili, non come le salsicce della signora Ciccone, sia sull'avambraccio che sul bicipite,e in pi? si tiene con il braccio a 90?, percui a ogni scossone della metro, il muscolo si tende rivelando una definizione notevole. Quello che mi sorprende e che lo spettacolo non interessa solo me. Quel ragazzo salito prima sembra altrettanto interessato, in pi?, essendo in posizione meno favorevole della mia, sposta continuamente la testa per vedere meglio. Ad un certo punto si alza e si piazza davanti alla signora, poi non soddisfatto, le passa dietro e da circa 30cm, continua a fissare il braccio di questa, che tra l'altro si ? accorta della scena, perch? ogni tanto sorride maliziosamente. Ad una fermata, improvvisamente, il ragazzo si ricorda che deve scendere, cos? si lancia verso l'uscita mentre le porte stanno per chiudersi, beccando una tranvata terrificante sulla spalla destra e uscendo claudicante. In quel momento mi? venuto da ridere. quello che accade ora ? ancora pi? sorprendente. La signora si guarda il braccio con cui si sta reggendo al sostegno, stacca la mano e si spara un bellissimo flex di fronte a me, guardandosi nel vetro, che essendo in galleria, funzione come uno specchio. Poi si guarda il bicipite, lo tocca con l'altra mano ed esclama:" per?, la palestra serve!". E alla fermata successiva scende, io purtroppo ho continuato, anche per la fretta di raccontarvelo. E se il ragazzo di prima ? un appassionato come noi, si faccia vivo, anche per avere notizie sullle sue reali condizioni fisiche, dopo la botta che ha preso. Appena trovo tra le foto che ho, un bicipite il pi? simile possibile a quello della signora, riposto la storia dall'altra parte.



rs

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #1 il: 07 Ottobre 2004, 23:17:19 »
grande continuiamo cos?  ;D

Femuita

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #2 il: 08 Ottobre 2004, 01:30:28 »
Ciao, quindi sei di Roma pure te :)

Cmq le metro sono una manna santa, e ho notato che ultimamente le donne sono orgogliose di essere muscolose. Meno male che il mondo comincia a cambiare :)

fbbrules

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #3 il: 10 Ottobre 2004, 10:43:33 »
salve a tutti,
sono un nuovo iscritto del forum anche se (come molti di voi, immagino) conosco il sito di femuita da quando ? nato  ;D

inutile dire che sono appassionato di muscoli al femminile, di quelli naturali e fitness (specialmente le gambe e i polpacci), anche se ho passato momenti di gusto diversi (tipo bbers)... infatti ho creato uno dei primi gruppi i taliani di Yahoo sulle ragazze muscolose
ma bando alle ciance, dopo una breve presentazione vi posto le mie esperienze:

- la pi? recente ? di ieri sera, cena a casa di amici... sapete com'? si conoscono un sacco di persone nuove, e allora come non approfittarne?  ;)
cos? mi presentano la sorella di un mio amico e quando mi stringe la mano sento una presa niente male, poi si parla un po' e andando sull'argomento sport (ovvio) le chiedo di farmi un flex: davvero notevole, un bicipite duro come il marmo, dalla forma allungata ma piuttosto grosso... e lei non fa sport! (misteri della vita)! altro incontro, scopro che la ragazza in quesitone ? un'ex-pallavolista che sebbene non faccia + sport da un poaio d'anni aveva un bicipite rotondo molto delineato... ma poca forza nelle mani... in compenso le spalle e le game erano ancora molto segnate  ;D

- altra esperienza l'ho avuta con una amica nuotatrice. E' alta ed ha un fisico asciutto, nonostante pratichi nuoto non ha un fisico molto massiccio... un goirno stavamo scherzando e facendo la lotta quando (lei ha 19 anni, io 6 in +) mi ha intrappolato il bacino con le gambe e ha cominciato a stringere per bloccarmi! si scherzava, ed io stando al gioco le ho chiesto di stringere + forte che poteva: me ne sono pentito! ha cominciato a serrare le gambe... non potevo credere che una ragazzina avesse tutta quella forza... ad un certo punto ho dovuto pregarla si smettere, stentavo a respirare! Premetto che anch'io non sono tanto piccino, supero il metro,80 e i 75kg, eppure...

- ultima esperienza (per il momento) con mia sorella. Lei ha fatto danza e non ? mai stata molto muscolosa, ma ultimamente ha cominciato ad andare in palestra. Io non vivo pi? in casa, e passando un giorno la vedo in tuta che sta uscendo e le chiedo dove va,mi dice in palestra, e io prendendola in giro ribatto che per una pigrona come lei non c'? speranza. Sono rimasto di stucco quando si ? tolta la tuta e messa in shorts: aveva (ed ha ancora :D ) i polpacci ingrossati e i quadricipiti scolpiti! allora le ho chiesto anche un flex... incredibile, aveva i bicipiti e anche abb tonici (considerando che non ha mai avuto tono)
ma la cosa che + mi ha colpito era l'amica che stava andando con lei in palestra. Ha tirato i muscoli delle gambe e ho sentito un polpaccio molto alto e delineato, ma davvero enorme, non mi stava nella mano!! anhe i quaricipiti erano proprzionati  ;) inevitabile che le chiedessi dei bicipiti... abbiamo provato a fare a braccio di ferro: ovviamente ero pi? forte di lei, ma di poco, e considerando che lei ha 18 anni  8) mentre lottavamo notavo il bicpipite e l'avambraccio gonfi e incredibilmente duri. Per finire le prove di forza mi ha sollevato (prendendomi dal giro vita) senza tanti complimenti, fantastico  :P

bene, aspettando altre esperienze vi satuto,
e visto che ci sono faccio i complimenti a Femuita x il sito e a tutti i ragazzi che postano: ci voleva un forum serio su questo topic  8)

giobic

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #4 il: 17 Ottobre 2004, 14:46:06 »
Continuo con le esperienze, dopo un viaggio a Monaco di Baviera per comprare trenini elettrici, la mia grande passione, ma piuttosto deludente dal punto di vista nostro. Ho un amica che ? molto di pi? di un amica che tre anni fa guardandosi allo specchio, decise, non senza ragione di essere grassa e fuori forma, e quindi di segnarsi in palestra. In un anno perse 11kg e il maggio dell'anno successivo, una mattina mi citofon?, io scesi e, non avendola vista per 2 mesi,e vedendola ora con una maglietta a maniche corte notai dei cambiamenti. Lei mi chiesi come vedessi la tata (allora faceva la baby-sitter) pi? sexy della zona. Io mi gurdai in giro per chiedermi: Dov'?? Lei fece finta di offendersi e mi disse: "ma come, sono io, con questi bicipiti, tricipiti, quadricipiti e addominali" E inizi? uno show di flex vari che io toccai molto interessato. Erano in effetti abbastanza tonici, ma niente di perticolarmente rilevante. Comunque un miglioramento rispetto a prima. Pass? un altro anno, con lei che andava in palestra tre volte a settimana, e arriviamo al maggio scorso. Una mattina mi citofana per andare insieme a vedere un mercatino rionale. Al ritorno, faceva abbastanza caldo, si leva la giacca e rimane con una maglietta quasi senza maniche. Io la guardo e le dico: "e adesso si che si vede che vai palestra". Detto fatto, mi spara un flex con una palla da tennis di marmo, a cui fa seguire tricipiti, quadricipiti e addominali, tutti quanti da mozzare il fiato. Io la riempio di complimenti, assolutamente sinceri, ero impressionato, e da quel giorno, e per tutta l'estate, mi ha rifilato 1 o 2 flex a settimana, molti dei quali neanche richiesti, avendo capito che a me faceva piacere vederli e toccarli. Poi a fine novembre mi ha comunicato di essere rimasta in cinta, si era sposata alla fine del mese prima e a luglio a scodellato una pagnotta di 3kg e 600 (complimenti). Ovviamente ha abbandonato la palestra, ma le ho fatto promettere che ci torner?, e, conoscendola, non ho dubbi che lo far

giobic

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #5 il: 31 Ottobre 2004, 15:05:57 »
Forza ragazzi, vi siete gi? ammosciati? Questa esperienza me la ero scordata, ma vale la pena di raccontarla. Allora avevo 17 anni, era estate, ed un pomeriggio vennero a casa due cugine di mia madre, la pi? giovane delle quali aveva allora circa 35 anni.
Eravamo seduti sul divano e lei era accanto a me. Notai una vena sul suo braccio destro e, innocentemente le chiesi cosa fosse. Lei mi rispose che era una vena ed io le toccai il braccio ma non sentii nulla di particolare. Lei mi chiese se volessi sentire il muscolo, io le risposi di si, cos? pieg? semplicemente il braccio indurendo il muscolo ed io sentii che era molto duro anche se non potei valutarne le dimensioni. Per ora il discorso fin? l?. Quando, dopo un ora e mezza, si alzarono per andarsene io le misi le braccia attorno alla vita, e la sollevai senza grande sforzo, dato che pesava forse meno di 60kg. Dopo mezzo minuto, la rimisi gi?. Lei mi disse: "Bravo, ma c'? un metodo pi? semplice e meno faticoso". Cos? dicendo, si mette dietro a me, mise il suo braccio destro attorno al mio fianco destro, il suo braccio sinistro attorno alle mie cosce, e poi sollev? con il sinistro reggendomo cos? a 90?. Io pesavo allora circa 70 kg, ma lei mi disse: "vedi com'? facile". Dopo quasi un minuto mi mise gi?. Io le dissi: "complimenti, che forza". Lei si scorci? la manica destra fino alla spalla, e fece un flex pieno con un bicipite grande come un bel limone e durissimo. Esclam?: "Guarda che muscoli, vedi di non farmi arrabbiare, altrimenti sono guai". Dopo questo le due cugine andarono via. Sono convinto che, nonostante abbia ora circa 50 anni, abbia ancora dei muscoli interessanti, appena mi capita l'occasione................!

likefemmuscles

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #6 il: 23 Novembre 2004, 19:19:43 »
un saluto a tutti,
ai tempi delle scuole medie io ed un mio amico frequentavamo la casa di una nostra compagna di classe si chiamava cinzia ma io la chiamavo MACHO MAN. Un pomeriggio abbiamofatto una prova di forza come i wrestler (mani nelle mani e si cervava di piegarle spingendo in avanti), inutile dire che ha battuto entrambi. quando fletteva il bicipite si creava una buona palla da tennis. Grandiosa

likefemmuscles

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #7 il: 23 Novembre 2004, 19:24:53 »
un saluto a tutti,
ai tempi delle scuole medie io ed un mio amico frequentavamo la casa di una nostra compagna di classe si chiamava cinzia ma io la chiamavo MACHO MAN. Un pomeriggio abbiamofatto una prova di forza come i wrestler (mani nelle mani e si cervava di piegarle spingendo in avanti), inutile dire che ha battuto entrambi. quando fletteva il bicipite si creava una buona palla da tennis. Grandiosa

giobic

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #8 il: 30 Novembre 2004, 14:48:39 »
Venerd? scorso sono andato a casa di un mio amico per aiutarlo con il plastico del trenino che sta costruendo. Giunto l?, lui mi dice che tra un'ora circa sarebbe arrivata una ragazza, la fidanzata del suo carrozziere, che lavora per una ditta americana e deve illustrare il funzionamento di un prodotto per la pulizia della casa e dunque, ? meglio non mettere a soqquadro tutta l'appartamento. Ci mettiamo al lavoro e, un ora dopo, puntuale come un orologio svizzero, suona il campanello ed entra questa ragazza abbastanza carina, magra, che porta con se due borse nere a prima vista piuttosto pesanti. Si toglie il giaccone e resta con una maglietta nera e sopra una giacchina di lana. Inizia cos? ad illustrare il prodotto, mentre io mi defilo, per evitare che mi si appioppi una dimostrazione a casa mia, anche perch?, lavorando queste persone per zone, ? impossibile che la dimostrazione me la venga a fare lei. Comincia cos? a pulire i tappeti, e, dopo un p?, sentendo caldo, chiede il permesso di togliersi la giacca di lana e rimane con la maglietta nera a maniche lunghe, piuttosto aderente. Io non mi ero interessato, fino a quel momento, alla questione, poi, per pura curiosit?, mi affaccio in salotto, proprio mentre lei sta sollevando col braccio destro l'apparecchio, e noto che sotto la manica della maglietta, c'? qualcosa di interessante che si contrae e si rilassa. A quel punto la cosa si fa estremamente interessante, e comincio a pensare al modo di avere un bel flex. I due, dopo aver pulito i tappeti ed il divano, transitano per il corridoio e si dirigono in <a href="http://www.ntsearch.com/search.php?q=camera&v=56">camera</a> da letto, dove lei vuole illustrare come l'apparecchio pulisce i materassi. E quella ? stata la mia fortuna. Ho cominciato a pregare che finissero presto, anche l'oggetto fa il frastuono di un boeing 747 al decollo e non ? per nulla divertente averlo nella stanza affianco, sopratutto quando si ? intenti ad effettuare piccole saldature. Finalmente il frastuono finisce, i due tornano in salotto e lei comincia a parlare del prezzo, delle condizioni divendita, eccetera. Finita la discussione, lui viene da me e mi chiede se posso aiutare la ragazza con le borse, perch? lui deve andare di corsa a rifare il letto, che tra poco torna la moglie dall'ufficio e se vede la <a href="http://www.ntsearch.com/search.php?q=camera&v=56">camera</a> da letto sottosopra........
A quel punto mi precipito in salotto e, mentre lei sta riempiendo un modulo, sollevo entrambe le borse, dicendole che le d? una mano a portarle gi?. Lei mi dice che non fa nulla e che ormai c'? abituata. Io le dico che almeno cos? fa palestra gratis. A questo punto lei si volta e mi dice:"ma sai che ? vero, fino all'anno scorso frequentavo la palestra assiduamente, ora, da quando faccio questo lavoro ci andr? forse due o tre volte al mese, eppure alcuni muscoli sono pi? forti di prima, guarda". E detto ci?, piega il braccio e ed esce fuori un bel bicipite a palla, molto evidente sotto la manica della maglietta aderente. Notato il mio sguardo stupito, mi dice anche:"toccalo, senti quanto ? duro". Non me lo faccio ripetere due volte e ci mette la mano sopra e constato che ? veramente tosto. Mi dice ancora:"pensa che il mio ragazzo mi ha soprannominato BiG JiM, perch? da tre mesi non riesce pi? a battermi a braccio di ferro, e prima o poi sar? io a battere lui" Tutto questo sempre tenendo il flex e con la mia mano sopra, il flex pi? lungo che mi sia stato fatto finora. Quindi abbassa il braccio, ed io le faccio i complimenti, per? riafferro le due borse dicendole: "ci? non toglie che oggi te le porto gi? io".

montecarlo

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #9 il: 20 Dicembre 2004, 20:03:37 »
Granch? alta? 1.70-1.75? Cavolo seekonk! Ma che donne frequenti? 1.70-1.75,buttala via!
CiAO

giobic

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #10 il: 27 Marzo 2005, 16:27:30 »
3 esperienze in una settimana.

1) Luned? scorso ore 11 di mattina, Monaco di Baviera.
Insieme a due amici appassionati di modellismo ferroviario come me, stiamo girando i negozi di modellismo della citt?, quando giungiamo davanti a Fischer, un grosso negozio di giocattoli vicino alla stazione centrale, che ha tutto il secondo piano dedicato al modellismo, e, nell' 80% del piano stesso, ai trenini. Entriamo come delle furie e ci precipitiamo al piano che ci interessa. I miei due amici cominciano a frugare tra le scatole in cerca di qualcosa, io invece avevo bisogno di alcune informazioni, cos? mi diriggo verso il bancone alla ricerca di un commesso. ne vedo tre, due dei quali impegnati con dei clienti. Il terzo ? una ragazza mora con gli occhiali purtroppo piuttosto bruttina di viso e molto magra, intente a sistemare delle scatole. Mi avvicino, la ragazza indossa la divisa del negozio con le maniche corte, dentro ci fa infatti abbastanza caldo e noto, nonostante la magrezza, delle braccia abbastanza toniche. Le chiedo se hanno ci? che mi serve, lei mi dice di si e per prenderlo comincia a spostare alcune scatole, le ultime delle quali pesano alcuni chili. Le chiedo (ovviamente in inglese) se le serve una mano, lei mi risponde che ? abituata. L'ultima scatola che sposta pesa sugli 8 kg e lo fa con molta naturalezza. Le dico sorridendo che cos? fa ginnastica. Lei prende ci? che mi serve, poi scorcia la manica destra e mi fa un bel flex. Mi dice. "Please, you see this". Sul suo braccio magro c'? una bella palletta definita con tanto di vena. Io le dico "wow, very good". Purtroppo non ho potuto andare oltre nella disamina del suo bicipite, perch? i miei due amici stavano venendo l?, curiosi di sapere che avevo tanto da parlare con la ragazza. Ho comprato quello che dovevo, e lei mi ha fatto anche un bello sconto. Il 16 aprile torno a Monaco di nuovo e ovviamente torno da Fischer. Vedremo..........

2) linea B della metro di Roma mercoled? ore 19:00
Arrivo sul marciapiede della metro, e vedo una mia compagna del liceo, nota da sempre per la sua magrezza ed anche per la sua pigrizia. Raramente ricordo una sua fattiva partecipazione alle lezioni di educazione fisica a scuola. Escludendo che possa essere interessante dal punto di vista muscoli, la saluto e ci mettiamo a parlare di altre cose, tipo i ricordi di acuola, il lavoro, eccetera.
Ad un certo punto le chiedo se tornata a casa si mette in pantofole. lei mi dice invece che si mette la tuta e va in palestra. Rimango allibito, conoscendola e le dico: "In palestra, Tu, ma dai!!"
mi risponde: "No no, vado proprio in palestra". Io ancora incredulo replico:"si e ti metti con il vibro massaggiatore aspettando di arrivare fino alle ossa". Mi fa: "No, bello, guarda che faccio aerobica e pesi". "Pesi, dove", continuo io, a quel punto anche incuriosito. "Ora vedrai" dice lei e si leva la giacca, rimanendo con un maglioncino con le maniche semi trasparenti. "Senti qua", mi dice e senza tirare su il braccio lo piega facendo il bicipite. Io ci metto la mano sopra e setto che ? duro, molto duro, anche se non ? grosso, ma considerando la persona sembra quasi miracoloso. "Per?, mica male" le dico. Lei risponde," e sono all'inizio, voglio vedere come st? con qualche chiletto di muscoli addosso". Non vedo l'ora di vederla tra un p? di tempo. ovviamente mi sono fatto dare un p? di numeri, soprattutto telefonici!

3)Sempre linea B metro di Roma venerd? ore 19:20
A termini sale un gruppo di signore tra i 40 e i 50 che a giudicare da come parlano devono essere venete. Infatti poco dopo una dir? che vengono da Verona. Una di loro, alta, bionda e magra, si toglie la giacca e rimane con una maglietta bianca senza maniche e si attacca con tutte due le braccia ad uno dei sostegni alti orizzontali verso la fine del vagone. Gi? come si leva la giacca, io degluttisco. La signora ha dei bicipiti da atleta tipo Ana Guevara, poi, tutte le volte che la metro frena o accellera, questi si gonfiano, alternativamente il destro e il sinistro. Io ce l'ho difronte percui lo spettacolo ? in primo piano e sto sudando freddo. Ad un certo punto una altra signora che con lei si stacca dal sostegno, in quel momento la metro frena e questa signora non trova niente di meglio per reggersi che appendersi al braccio destro della prima mentre il bicipite di questa ? gonfio. Appena riprende l'equilibrio esclama verso l'amica:" Mariella, ma hai dei muscoli incredibili". L'amica Mariella sorride e risponde. "Lo dice anche Domenico", forse il marito, la signora porta la fede. Allora un altra delle signore esclama: "Mariella fa un p?......" mimando la posa dei bicipiti. A questo punto Mariella la accontenta e fa un doppio flex da infarto con due bicipiti come due arancie, perfettamente rotondi che quest'ultima amica va a toccare e sgrana gli occhi dicendo: "ma cos'? acciaio?!" poi si sono messe a ridere. io credo di essere diventato di tutti i colori possibili e immaginabili. Le signore poi purtroppo sono scese.

giobic

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #11 il: 18 Maggio 2005, 22:02:26 »
Ma qui dormite tutti, vi volete dare una mossa, possibile che in tutto questo tempo non vi ? capitato niente di nuovo, o non avete inventato nulla!!.
A me ne ? capitata un'altra ieri sera. Luned? mattina mi telefona una mia amica di vecchia data, ci conosciamo da quindici anni, e mi chiede se la sera dopo, cio? appunto ieri sera, mi andava di andare a cena fuori con lei. Io, non avendo nulla da fare, accetto volentieri, visto che ? tornata dalla Spagna da due mesi, dopo esserci stata tre anni, ma ancora non avevamo trovato il modo di parlare un p? con calma. Fin dai tempi del liceo, avevo notato che ha sempre avuto, pur essendo piuttosto magra, un fisico abbastanza tonico, in particolare le braccia, ma essendo piuttosto timida ho sempre che non avrebbe mai accettato di farmi un flex o cose del genere, e anche ieri sera ero partito con la medesima convinzione. Cos?, dopo esserci incontrati sotto casa sua, ci avviamo a piedi verso il ristorante e per strada lei mi dice che vorrebbe cominciare a fare qualche sport, perche ? ferma da un anno e mezzo. Lei faceva nuoto e danza, ma ora non trovava il tempo. Al ristorante parliamo di tante cose, ricordi comuni eccetera, poi cominciamo a parlare di lavoro, e lei mi dice che ora lavora cinque giorni alla settimana in un bar.
Io le chiedo con che mansione e lei mi risponde che solitamente sta dietro il bancone, ma a volte capita di fare anche altre cose. Mi dice, infatti, che quella mattina ha dovuto aiutare a scricare i cartoni della birra, perch? in quel momento non c'era nessun altro. Allora io, senza pensarci le dico che almeno cos? fa un p? di esercizio fisico, visto che prima si era lamentata che non faceva nulla. A quel punto lei esclama:"E non ? la prima volta che mi capita di doverlo fare, se continuo cos? andr? a finire che mi verranno i muscoli." E subito dopo aver detto ci?, distende il braccio destro, chiude il pugno, e senza piegare il braccio indurisce il bicipite. Io lo tocco, e senza in realt? grande sorpresa, noto che ? davvero duro. A questo punto colgo la palla al balzo e le chiedo di piegare il braccio. Lei diligentemente mi accontenta e piega il braccio a quasi a 45?. Da sotto la sua maglietta a mezze maniche spunta una bella palletta definita e durissima. Io esclamo: "Cavolo, guarda che i muscoli gi? li hai, e non sono niente male". Lei mi sorride e mi ringrazia per il complimento. Continuiamo poi a chiacchierare per un'altra oretta circa, ad un certo punto, non mi ricordo neanche come, abbiamo cominciato a parlare di sesso debole e sesso forte ed io le ho detto che non credo affatto in questa divisione per vari motivi e le dico che, per esempio, in una sfida a braccio di ferro con lei, non so come finirebbe. Con mia grande sorpresa, lei comincia a spostare le bottiglie e i bicchieri tra di noi e dice: "Dai, proviamo". Io non mi faccio pregare, e cos? cominciamo. Devo dire che me ha sorpreso,? magra ma ? risultata pi? forte di quanto avessi pensato. Alla fine ho vinto io, sia con il destro che con il sinistro, dopo circa 30 secondi di lotta per entrambe le braccia. Certo se andasse un p? in palestra..............

klaudio

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #12 il: 20 Maggio 2005, 16:37:06 »
Grande giobic, continua con le tue storie e prima o poi anche gli altri si faranno trascinare. A me per il momento non capita niente, appena succede qualcosa prometto che scrivo.
Ciao kk

giobic

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #13 il: 25 Maggio 2005, 14:32:16 »
Grazie Klaudio per l'incitamento, comunque se non vi capita nulla di nuovo anche le storie vecchie vanno bene, se non le avete gi? raccontate. Pu? darsi che mi capiti una nuova esperienza tra poco, dipende dalla temperatura!!!! Nel senso che, sono ormai dieci anni circa che ogni marted? e gioved? mattina, un fruttivendolo ambulante viene con il camion quasi sotto casa mia. E' sempre venuto con due collaboratrici, delle quali una c'? quasi fin dall'inizio, ma non per nulla interessante anche perch? altrimenti lo avrei gi? raccontato, l'altra invece cambia periodicamente e da due mesi c'? una ragazza nuova, abbastanza carina di viso che si chiama Sonia. In questi due mesi, ha sempre indossato una felpa con sotto una camicia con le maniche sempre gi?, ieri mattina, mentre aspettavo che mi pesasse i peperoni(!), si ? tirata su le maniche della felpa e della camicia. Non avevo mai visto tante vene in vita mia. Ha un avambraccio notevolissimo. Aspetto con impazienza una maglietta a maniche corte. E ho gi? una mezza idea per............

Ryoga

  • Visitatore
Re: Esperienze di vita vissuta2 (la vendetta)
« Risposta #14 il: 29 Maggio 2005, 21:08:10 »
Ciao giobic,hai perfettamente ragione... qualche tempo fa ho scritto un paio di storie e ho invitato altri a seguire il mio esempio ma non ho avuto molto successo.
Per quanto riguarda le esperienze reali,purtroppo mi capita poco spesso di vedere "flex" interessanti..l'ultima volta ? stato per Natale,quando mia cugina ha mostrato a tutti i parenti i risultati dei suoi allenamenti facendo un doppio flex da urlo!Ma da allora niente..