Crea sito

Autore Topic: Braccio di ferro al liceo  (Letto 1320 volte)

ryo

  • Visitatore
Braccio di ferro al liceo
« il: 28 Gennaio 2005, 18:54:27 »
Ho trovato il tempo per scrivere un'altra storia,stavolta ambientata ai tempi del liceo.
Nella mia classe c'era una ragazza particolarmente sexy:quarta di seno,occhi azzurri e capelli biondissimi.Insomma era il sogno proibito di tutti i maschi della classe(me compreso ovviamente)
Non bastasse questa ragazza(di nome Giulia)era anche una gran sportiva,faceva nuoto da anni e questa contribuiva a darle un fisico perfetto.Aveva infatti due bicipiti molto definiti e spesso scherzando sfidava le amiche a braccio di ferro ma queste rifiutavano tutte perch? dicevano che era troppo forte.

Una volta approfittando della situazione l'ho sfidata a mia volta ma lei si ? rifiutata trovando una scusa:L? per l? non ho capito il perch?,comunque poco dopo sono stato sfidato a mia volta da un ragazzo spaccone della mia classe,il quale faceva palestra da un po' di tempo e voleva farsi bello davanti alle ragazze.Purtroppo era un po' pi? forte di me e riuscii a battermi dopo qualche minuto di battaglia. Continuando a fare lo spaccone si mise a sfidare chiunque e con mia grande sorpresa Giulia si fece avanti chiedendo:"Perch? non provi con me?"

Mentre quello rideva all'apparente assurdit? della sfida,Giulia si rivolse a me dicendo:"Tranquillo,ora ti vendico io!"E mi schiocca un sonoro bacio sulla guancia!!!Non bastasse non faccio in tempo a lasciarle il posto che lei decide di sedersi sulle mia ginocchia appoggiando il suo divino fondoschiena in una zona,diciamo ..pericolosa!

Il match ha inizio,anche se io sono in stato confusionale trovandomi quel ben di dio seduta in braccio con i suoi lunghi capelli che mi offuscano la vista.Comunque sia vedo benissimo la differenza che c'? tra le loro braccia:il mio amico che mi aveva appena battuto aveva due grosse braccia ma poco definite,lei invece...aveva due palline da tennis al posto dei bicipiti!In particolare ora che stava facendo a braccio di ferro il suo bicipite destro sembrava durissimo.

Dalla mia posizione non potevo guardarla in faccia,ma il suo avversario era gi? in difficolt? dopo pochi secondi.Nessuno dei due aveva preso il sopravvento ma lui era tutto rosso in volto e chiudeva gli occhi per lo sforzo.All'improvviso Giulia si volta con la testa verso di me e mi sorride dicendo:"Vuoi che lo batta subito o ci divertiamo ancora un po'?"
Io rimango senza parole e le rispondo che non ? il caso di umiliarlo ulteriormente.Lei annuisce strizzandomi l'occhio e un attimo dopo il braccio di lui viene depositato dolcemente sul banco fra gli applausi di tutta la classe.

Quindi la Giulia si alza e rivolta a me dice:"Vedi perch? non ho accettato la tua sfida?Mi dispiaceva farti fare una figuraccia davanti a tutti.."

Fine della storia,ho cambiato ambientazione,ma se qualcuno vuole suggerirmi qualcos altro sono a disposizione,ciao!