Crea sito

Autore Topic: Friendzone  (Letto 1663 volte)

Offline HughBellamy

  • Newbie
  • *
  • Post: 60
    • Mostra profilo
Friendzone
« il: 27 Ottobre 2018, 19:34:08 »
Parte 1

Dopo averci riflettuto qualche secondo rispose alla mia domanda: "Guarda, Ugo... io ti vedo solo come un amico. Non voglio uscire a cena con te. Anche perché non vorrei illuderti inutilmente". "Capisco" le risposi "Però non è che uno si illude per forza, la cosa può anche non funzionare, non è che se due escono a cena devono poi per forza avere una relazione, si può anche solo fare un tentativo". Lei però era piuttosto decisa nel declinare l'offerta, motivando ulteriormente: "Poi non funzionerebbe mai tra noi. Ti apprezzo come persona, ma penso che se non c'è attrazione fisica non può funzionare. Tu non sei proprio il mio tipo. A me piacciono i ragazzi forti, muscolosi". Io provai ad arrampicarmi sugli specchi "Ma guarda che io sono molto più forte di quanto possa sembrare". Le scappò un sorriso "Si, immagino... con quelle braccine li" rispose ironicamente. Poi ci fu un attimo di silenzio, io arrossii. Fu di nuovo lei a riprendere il discorso, giocando un po' "Dai facciamo così: ti sfido a braccio di ferro, se vinci usciamo a cena domani sera!".

To be continued...



Offline scorpiomilo

  • Newbie
  • *
  • Post: 228
    • Mostra profilo
Re:Friendzone
« Risposta #1 il: 27 Ottobre 2018, 23:47:15 »
sembra moooooolto interessante!!!

Offline HughBellamy

  • Newbie
  • *
  • Post: 60
    • Mostra profilo
Re:Friendzone
« Risposta #2 il: 28 Ottobre 2018, 13:03:05 »
Parte 2

Lei si mise in posizione. "Ah con la sinistra?" chiesi "Ok nessun problema" non potevo certo mostrare insicurezza. Posizionai anche io la mano sinistra in contatto con la sua. Feci anche il galante "Dai tu il via". Dopo il conto alla rovescia, partimmo entrambi con convinzione, e rimasi subito sorpreso dalla sua forza dopo cinque secondi eravamo ancora in parità, lei iniziò a prendere un paio di centimetri di vantaggio. Mi stavo veramente impegnando e non riuscivo a prevalere, guardai il suo bicipite in tensione, poi il mio, non sembrava essere così muscolosa, ma aveva una forza notevole. "Ce la stai mettendo tutta?" disse ridendo. Io ebbi un moto d'orgoglio, un colpo di reni e rimontai, lei scoppiò aridere, ora ero in vantaggio io, ma stava resistendo, non riuscivo a far scendere il suo braccio al tavolo. "Cavolo sei forte allora" disse. Non capivo se scherzasse o meno, mentre ci guardavamo negli occhi, quegli occhioni azzurri che mi avevano fatto innamorare. Non potevo non batterla, dovevo dimostrare che i miei muscoli c'erano. "Caspita, allenata la ragazza" dissi, affaticato. Erano passati ormai una ventina di secondi e cominciavo ad accusare la stanchezza, ma ero determinato a chiudere il match. Ci misi il 120% della forza e lei perse improvvisamenete terreno ma riuscì a contrasrare il mio impeto a una spanna tra la sua mano ed il tavolo. Non solo, approfittò della frenata spingendo a sua volta con tutta forza. Aiutata dal fatto che io avevo appena dato un colpo di reni e di conseguenza avevo perso inerzia per una frazione di secondo, ribaltò completamente la situazione con una spinta lenta ma progressiva fino quasi a battermi. "Aah!" eclamai riuscendo a frenare la sua spinta. Mancavano pochi centimetri alla mia sconfitta, ma anche lei dovette perdere forza per un secondo, dopo l'exploit e tornammo quasi in pareggio, ma subito dopo riprese e io non ne avevo più, guardandomi negli occhi mentre la mia mano si avvicinava al tavolo, mi fece un occhiolino. Dopo un secondo le mie nocche toccarono il tavolo, facendo suonare il legno. Avevo perso.

To be continued...

Offline scorpiomilo

  • Newbie
  • *
  • Post: 228
    • Mostra profilo
Re:Friendzone
« Risposta #3 il: 29 Ottobre 2018, 11:12:30 »
wow fantastica..
quell'occhiolino lascia presagire che non si stava impegnando